• capitaleumanoitaliano

LA BUSSOLA PER TROVARE IL LAVORO CHE AMATE (di Teresa Carusone)

Aggiornato il: apr 21

Spesso mi dicono: “ Ma perché non trovi un lavoro più stabile? O più remunerativo?”.

Questo è il motivo per il quale la maggior parte della gente che ci circonda non ama il proprio lavoro. Perché siamo ossessionati dal sicuro e dal ben pagato e ci dimentichiamo la cosa più importante: quale lavoro ci renderebbe veramente felice? Che voi siate Steve Jobs o un pizzaiolo non importa: fate un lavoro che vi rappresenti, che sia importante per voi. Esistono 3 semplici cose che dipendono da noi e che ci fanno da bussola in questa scelta:

1. Conoscere se stessi, perché se non sapete cosa state cercando non lo troverete mai. E nessuno lo farà mai per voi. Non c’è nessuna specialistica in passione, obiettivi e carriera. Prendetevi il tempo necessario per scegliere il prossimo percorso di studi, ma non fatelo pensando a quale facoltà vi darà il lavoro più stabile o quello più pagato. Il punto è che spetta a noi capire, abbiamo bisogno di un modo per orientarci. Quali sono le cose che ci fanno svegliare con la voglia di fare? Quali sono le cose che ci fanno venire il sorriso?

2. Qual è la vostra piramide dei valori? Vi interessano la famiglia, gli altri, il benessere, il successo? Dovete capire questo per prendere delle decisioni, per sapere di cos’è fatto il vostro sogno, in modo da non venderlo per una causa che non vi rappresenta.

3. Le esperienze. Tutti noi abbiamo delle esperienze. Impariamo continuamente, ogni giorno, ogni minuto cosa amiamo, cosa odiamo, cosa facciamo bene o male. Cercate qualcuno che vi ispira, che fa cose che vi fanno dire: “da grande voglio essere come lui” e prendete spunto dal suo percorso. Se non sappiamo cosa cerchiamo non lo troveremo mai, ma una volta che abbiamo questa bussola, possiamo fare il prossimo passo: fare l’impossibile per raggiungere i nostri sogni.


Le persone non agiscono per due ragioni. La prima è che dicono a loro stesse che non ce la faranno, la seconda è che glielo dicono gli altri. Così cominciano a crederci. O mollano, o non iniziano neanche. Il punto è che tutto è impossibile finché qualcuno non lo fa. Sbarcare sulla Luna. Chiedetelo ai vostri nonni, vi diranno che era considerata una cosa impossibile. Poi tra il 1969 e il 1972 sei missioni hanno portato 12 uomini sulla Luna e oggi sogniamo Marte. Non dovete essere gli astronauti che andranno su Marte, solo realizzare ciò che sognate, cominciando da passi piccolissimi. Il miglior modo per farlo è circondarvi di persone con tanta passione. Il modo più veloce di fare ciò che non credete possibile è circondarvi di persone che l’hanno già fatto.

Noi Membri di Capitale Umano Italiano, vogliamo essere per voi fonte di ispirazione. Cercate di capire cosa state cercando, noi possiamo darvi consigli concreti per perseguire la vostra scelta. E noi vi convinceremo che potete farcela. Che voi vogliate diventare uno scienziato, un astronauta o un ingegnere troverete sempre qualcuno che ci è già riuscito ed è a queste persone che dovete ispirarvi. Immagino un mondo in cui le persone amano il lavoro che fanno. Come sarebbe?


Teresa Carusone (ricercatrice scientifica)

del team CAPITALE UMANO ITALIANO

#giovani #lavoro #TeresaCarusone

2 visualizzazioni